language
ITALIANO
Iscriviti alla newsletter

Dicembre 2014 - Stil'e

Penne artigianali, eleganti e senza tempo
Qualità, eleganza e stile sono le caratteristiche distintive dei prodotti Marlen, azienda internazionale specializzata nella creazione di penne artigianali “divenute uniche nel loro genere per il costante richiamo alla storia, all’arte e alla cultura”, afferma Mario Esposito, attuale amministratore e presidente. “Ciascun disegno - prosegue - rimanda alla passione e alla creatività dei maestri artigiani che da più di trent’anni sono impegnati nel settore e hanno permesso alle nostre penne di raggiungere una posizione di prestigio nel panorama internazionale. I prodotti, interamente made in Italy e assemblati a mano, sono acquistati dai tanti collezionisti e appassionati che sanno di potersi fidare della qualità dei prodotti Marlen”. Ogni penna dell’azienda casertana e  realizzata nei modelli roller, sfera e stilo con pennini di differenti materiali e gradazioni, in collezioni che spesso sono limitate, “per rendere omaggio a temi particolari”, sottolinea Mario Esposito, che in azienda è affiancato dal direttore di progettazione Antonio Esposito. “La collezione Htf Geneve Symbol - racconta - rappresenta l’elegante sintesi dello stile dell’azienda: un concentrato di artigianalità e design che da sempre ci contraddistingue. La Zeus vuole invece celebrare il padre degli dei dell’Olimpo, mentre Klimt Prestige si ispira alla famosa opera del pittore austriaco, per la quale abbiamo ottenuto, dall’Österreichische Galerie Belvedere di Vienna, l’autorizzazione ufficiale per raffigurare il celebre bacio su questa affascinante collezione di penne. Al filone tecnico scientifico della misurazione del tempo abbiamo dedicato la Cadran Solaire, vincitrice del premio Robb Report 2003, alla quale sono seguite la Style Lunaire, Astrologie e Northmatic. Adesso - conclude - stiamo realizzando una nuova serie dedicata a temi più tecnologici, per svilupparci di pari passo alle esigenze della società e incontrare anche il gusto dei più giovani”.

<< Torna alla pagina precedente