Descrizione

Una penna nata per celebrare un impero, una cultura che è alla base dell’attuale civiltà occidentale: l’Impero Romano, consolidatosi nell’area euro-mediterranea tra il I secolo a.C. ed il IV secolo a.C., è considerato il più grande in termini di gestione e qualità del territorio, di organizzazione socio-politica e di importanza del segno lasciato nella storia dell’umanità.
In tutti i territori sui quali estesero i propri confini i romani costruirono città, strade, ponti, acquedotti, esportando ovunque il loro modello di civiltà ed al contempo assimilando le popolazioni e civiltà assoggettate. Dopo la fine dell’impero queste genti continuarono a definirsi romane.
Il colore rosso maculato caratterizza la collezione Gens Pompeia, realizzata in resina italiana tornita da barra piena.
La fascia centrale del fusto, in argento, riproduce l’effige di augusto. Sulla clip in argento è incastonata una piccola parte in legno fatta a mano. L’anello sul cappuccio in argento riporta le due date che generalmente identificano l’inizio e la fine di un’entità statuale unica: 27 a.C. – 395 d.C.